Azione B1.2: Dalla Governance all’efficacia del processo di VIA

Nell’ambito del progetto SEPOSSO, l’azione B1.2 prevedeva di realizzare una ricognizione di progetti sottoposti a VIA, che contenevano prescrizioni riguardanti interventi sull’habitat prioritario 1120* (sensu Direttiva 92/43/CEE “Habitat” ) praterie di Posidonia oceanica ed eventuali operazioni di trapianto della stessa.

La ricognizione è stata effettuata utilizzando il database denominato I.De.A. (ISPRA Decreti Ambientali), realizzato da ISPRA per la direzione Valutazioni Ambientali del MATTM. Il database I.De.A. contiene tutte le prescrizioni (o condizioni ambientali) incluse nei decreti di VIA emanati dal MATTM, dal MIBACT, dalle Regioni interessate e da altri Enti locali, da giugno 1989 ad oggi in fase di aggiornamento. Inoltre, la banca dati, contiene ad esempio le informazioni relative ad aspetti amministrativi, tipologia e localizzazione dell’opera, proponente, enti prescriventi o coinvolti nella verifica dell’ottemperanza della prescrizione.

L’analisi condotta sulle prescrizioni contenute nel database I.DE.A. che contenevano un riferimento a Posidonia oceanica, ha permesso di individuare 107 prescrizioni provenienti dai 32 decreti di VIA nazionale.

Dalla ricognizione dei 32 decreti VIA, per il progetto SEPOSSO è stato scelto di esaminare prioritariamente quei progetti nell’ambito dei quali sono state realizzate delle operazioni di trapianto di P. oceanica su vasta scala spaziale in ottemperanza di una specifica prescrizione.

In dettaglio, i tre casi studio sono:

  1. Variante al Piano Regolatore Portuale di Civitavecchia – Darsena Energetico – Grandi Masse – DEC/VIA 6923/2002 e progetti successivi che interessano l’area del Porto di Civitavecchia
  2. Progetto del gasdotto sottomarino nel tratto di mare fra il Lago del Fusaro nel Comune di Bacoli (NA) e la Punta San Pietro nel Comune di Ischia (NA) -DEC/VIA 10/2008
  3. Piano Regolatore Portuale del Porto di Piombino – DEC/VIA 478/2012

 

Il report “Basic information, legislative context and description of case studies” riporta l’analisi di dettaglio dell’iter autorizzativo e delle prescrizioni che nei tre casi studio principali hanno portato alla realizzazione dei trapianti di Posidonia oceanica come misura di compensazione. Inoltre in questo report è stato analizzato, da un punto di vista procedurale, anche il caso di studio del trapianto effettuato nella rada di Augusta a Priolo-Gargallo (Sicilia) in cui, grazie ad un finanziamento PON, è stato avviato il tentativo di recupero della preesistente prateria di Posidonia, da anni scomparsa a causa della reaizzazione del Polo Petrolchimico.


DELIVERABLE Azione B.1.2 – Basic information legislative context and description of case studies

 

Le “Linee Guida per la predisposizione dei quadri prescrittivi nei provvedimenti di VIA: aggiornamento della struttura della condizione ambientale” sono in via di pubblicazione.

Questo documento costituisce un approfondimento delle “Linee Guida per la predisposizione dei quadri prescrittivi dei provvedimenti emessi per le procedure di valutazione ambientale di competenza statale” del 2013, pubblicato dal MATTM (Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Mare), ora MITE (Ministero dell’Ambiente e della Transizione Ecologica), e si propone di fornire indicazioni utili alla formulazione dei quadri prescrittivi nei provvedimenti di VIA e Verifica di Assoggettabilità a VIA, relativi a piani, progetti e opere la cui realizzazione, potenzialmente, determina impatti alle praterie di Posidonia oceanica, habitat marino prioritario 1120* sensu Direttiva Habitat 92/43 CEE.
Il documento riporta i contenuti minimi di una condizione ambientale tipo, emersi dagli approfondimenti del progetto SEPOSSO, nell’ambito del fattore ambientale “biodiversità”, in caso di azioni che interessino Posidonia oceanica.

Azione B.1.2 – Linee Guida per la predisposizione dei quadri prescrittivi nei provvedimenti di VIA: aggiornamento della struttura della condizione ambientale – IN PRESS

 

 

I Servizi Ecosistemici sono i contributi della struttura e delle funzioni dell’ecosistema (in combinazione con altri input) al benessere umano. Ciò significa che l’umanità dipende fortemente dal buon funzionamento degli ecosistemi e dal Capitale Naturale che sono la base per un flusso costante di servizi ecosistemici dalla natura alla società. Le praterie di Posidonia oceanica forniscono molti importanti servizi ecosistemici, come la creazione e il mantenimento dell’habitat, la regolazione della qualità dell’acqua, la fornitura di cibo e nutrizione, la regolazione del clima. Quando le praterie di Posidonia oceanica sono interessate dalle attività umane, i loro servizi ecosistemici possono essere degradati, con possibile riduzione dei loro contributi al benessere umano, anche in termini economici.

Life SEPOSSO ha predisposto una “Guida Tecnica sulla valutazione economica degli degli impatti ambientali sulle praterie di Posidonia oceanica” (in via di pubblicazione), basata sul paradigma dei servizi ecosistemici. L’obiettivo principale è quello di supportare l’elaborazione di documenti tecnici nell’ambito della Valutazione di Impatto Ambientale e dell’Appropriate Assessment sensu Direttiva Habitat, con l’obiettivo di contribuire alla governance di questi processi.

Azione B.1.2 – Guida tecnica sulla valutazione economica degli impatti ambientali sulle praterie di Posidonia oceanica – IN PRESS