Le praterie di Posidonia oceanica

Posidonia oceanica

1. Caratteristiche biologiche

Posidonia oceanica (L.) Delile è una fanerogama marina endemica del mar Mediterraneo; la pianta è organizzata in radici, fusto, detto rizoma a causa dell’ habitus ipogeo, e foglie.

I rizomi sono fusti modificati che presentano la caratteristica di accrescersi sia in senso orizzontale (rizoma plagiotropo o tracciante) sia verticale (rizoma ortotropo). I rizomi plagiotropi, che crescono orizzontalmente, hanno la funzione di ancorare la pianta al substrato, grazie alla presenza di radici sul lato inferiore, e di consentire la colonizzazione di nuove aree. I rizomi ortotropi invece, crescendo in altezza, contrastano il progressivo insabbiamento dovuto alla continua sedimentazione e permettono in tal modo di sfruttare al massimo lo spazio e la luce disponibili. Lo sviluppo in verticale determina un progressivo innalzamento del fondo, che dà origine a una tipica formazione chiamata con termine francese matte. La matte è costituita dall’intreccio di più strati di rizomi e radici di vecchie piante e dal sedimento intrappolato tra questi elementi; solo la sommità di questa formazione è ricoperta da piante vive.

Le foglie nascono dai rizomi ortotropi, sono nastriformi, con apici arrotondati, e sono di colore verde intenso; hanno una larghezza media di un centimetro e possono superare un metro di lunghezza. Sono differenziate in un lembo fotosintetizzante e in una base, presente solo nelle foglie che hanno raggiunto un certo grado di sviluppo, che è più o meno lignificata in rapporto all’età. Il limite tra il lembo e la base è rappresentato da una linea concava detta ligula, in corrispondenza della quale, al momento della caduta, le foglie si staccano, lasciando sul rizoma le basi. Queste con il tempo si riducono a sottili scaglie che persistono, formando una sorta di manicotto che avvolge il rizoma stesso.

Infiorescenza di Posidonia oceanica. Posidonia, come le altre piante terrestri, produce fiori e frutti

Le foglie sono disposte in fasci, ognuno dei quali ne contiene in media sei o sette, distribuite a ventaglio: le più vecchie, di maggiore lunghezza, sono localizzate esternamente al fascio, mentre le più giovani, di taglia inferiore, si trovano nella parte interna. Particolare è l’accrescimento delle foglie che si originano da un meristema basale anziché apicale: tale adattamento permette infatti la crescita della lamina fogliare anche quando l’apice, che ne diviene la parte più vecchia, va incontro per primo a fenomeni degenerativi.

Per quanto concerne gli aspetti riproduttivi, P. oceanica presenta modalità di riproduzione sia asessuata, sia sessuata. La principale modalità di riproduzione di P. oceanica è quella asessuata o vegetativa mediante stolonizzazione; essa avviene attraverso la moltiplicazione e l’accrescimento dei rizomi plagiotropi ed ortotropi. Questo processo è particolarmente lento in quanto l’allungamento dei rizomi raggiunge mediamente 2 centimetri all’anno (Marbà e Duarte, 1998); i rizomi plagiotropi crescono più velocemente di quelli ortotropi. Dai rizomi plagiotropi possono, inoltre, originarsi ogni anno più rizomi ad andamento sia orizzontale sia verticale. La riproduzione sessuata avviene mediante produzione di infiorescenze recanti 3-5 fiori ermafroditi (MATTM, 2008). Dai fiori maturano i frutti che, staccatisi dalla pianta, galleggiano fino alla rottura del pericarpo che libera il seme dal quale si svilupperà una nuova pianta.

2. Caratteristiche fisiografiche e struttura della prateria

E’ noto che P. oceanica è una pianta che necessita di una forte illuminazione, da cui consegue come sia la trasparenza dell’acqua sia la profondità siano fattori determinanti per la sua crescita.

Quando P. oceanica incontra condizioni ambientali favorevoli, colonizza vaste aree di fondo marino, formando ampie distese chiamate praterie, caratterizzate da densità variabile, normalmente decrescente all’aumentare della profondità. Le praterie si estendono dalla superficie fino a circa 30-35 metri di profondità, spingendosi oltre i 40 metri in acque particolarmente limpide.

P. oceanica è presente più comunemente su substrati mobili come sabbia più o meno grossolana, talvolta mista a fango, ma anche su fondi detritici e rocciosi.

In funzione della composizione si possono rinvenire praterie “pure” o monospecifiche (caratterizzate dalla sola specie P. oceanica) e “miste” o plurispecifiche (caratterizzate dalla copresenza di più specie di fanerogame), mentre sulla base della distribuzione della pianta sul fondo, le praterie sono definite “omogenee” (distribuzione uniforme su tutta l’estensione) o “disomogenee” (distribuzione difforme, interrotta dalla presenza di canali, radure, ecc.) (Buia et al., 2003).

La prateria di Posidonia con i frutti attaccati alla pianta

In ogni caso, su qualsiasi substrato la pianta si insedi, essa modifica notevolmente il substrato originario di impianto; infatti, lo strato fogliare della fanerogama agisce come una sorta di trappola per le particelle in sospensione nella colonna d’acqua, facilitandone la sedimentazione (Dauby et al., 1995).

Per quanto concerne l’estensione, una prateria a P. oceanica è definita da un “limite superiore” e da un “limite inferiore“. Il limite superiore corrisponde alla batimetria più superficiale alla quale ha inizio la prateria ed è sempre molto netto, mentre il limite inferiore, batimetria più profonda in corrispondenza della quale termina la prateria, può avere conformazioni diverse, tra le quali si individuano il limite progressivo, il limite netto, il limite erosivo e il limite regressivo (Meinesz e Laurent, 1978; Pergent et al., 1995). Per ulteriori approfondimenti si rimanda a Montefalcone (2009).

 

3. Caratteristiche ecologiche

Le praterie di P. oceanica rappresentano una biocenosi molto complessa e ben strutturata, caratterizzata da un’elevata variabilità biologica delle comunità vegetali ed animali che la compongono (Buia et al., 2000). Tale biocenosi è costituita dalla sovrapposizione di differenti popolamenti: quello fotofilo associato allo strato fogliare, e quelli sciafili associati ai rizomi e alla matte (Mazzella et al., 1989; Gambi et al., 1992; Buia et al., 2003). Le specie associate allo strato fogliare sono spesso esclusivamente presenti su P. oceanica; le specie associate ai rizomi, invece, non presentano elementi esclusivi e caratteristiche così peculiari, in quanto simili alle specie sciafile dell’infralitorale o del coralligeno circalitorale, in funzione della profondità e della quantità di luce corrispondenti (Boudouresque, 1968; Piazzi et al., 2002).

Fra le specie presenti all’interno della prateria si distinguono inoltre specie residenti e specie migratorie: le prime trascorrono l’intero ciclo vitale all’interno della prateria, mentre le seconde vi si trasferiscono dagli ambienti circostanti soltanto alla ricerca di cibo, di un riparo o per la riproduzione (Buia et al., 2000).

L’ecosistema a P.oceanica costituisce inoltre aree nursery per gli avannotti dei pesci e rappresenta un rifugio per un grande numero di organismi, tra cui numerose specie di Pesci, Cefalopodi e Crostacei, anche di notevole importanza economica (Francour, 1997).

La prateria riveste, quindi, un ruolo estremamente importante come polo di biodiversità, in quanto ospita circa il 20-25% di tutte le specie presenti in mar Mediterraneo (MATTM 2008).

E’ noto che le praterie di P. oceanica costituiscono una delle componenti fondamentali dell’equilibrio e della ricchezza dell’ambiente litorale costiero mediterraneo. Esse sono caratterizzate da un’elevata produzione di ossigeno, da un’elevata biomassa vegetale e da una produzione primaria tra le più alte, a livello mondiale, per l’ambiente marino (Pergent et al., 1994; Pergent-Martini et al., 1994). Una parte considerevole di questa produzione primaria (dal 25% all’85%, come riportato in Boudouresque et al., 2006) viene esportata sottoforma di foglie morte verso altri tipi di fondo, dove rappresenta una risorsa alimentare di grande importanza. La sostanza organica prodotta costituisce una fonte di cibo diretta e indiretta per numerosi organismi nonché il la base di una complessa rete trofica (Mazzella et al., 1992). Inoltre proprio questa sua caratteristica di elevata produzione primaria rende l’ecosistema delle praterie di P. oceanica in grado di sequestrare grandi quantità di carbonio chiamato “blue carbon” e quindi grandi quantità di anidride carbonica dall’atmosfera (Mcleod et al., 2011) riuscendo così ad ossigenare notevolmente le acque costiere.

L’importanza delle praterie di P. oceanica supera quindi di gran lunga la superficie che esse occupano, pari a meno dell’1% dei fondali mediterranei (Boudouresque et al., 2006) rivestendo un ruolo fondamentale nell’economia generale delle aree costiere.

 

4. Il ruolo delle praterie di Posidonia oceanica nella difesa della costa

È noto che le praterie di P. oceanica svolgono un ruolo fondamentale sulla dinamica costiera in quanto possono agire sulla sedimentazione, almeno a scala locale, modificando il sedimento originario di impianto (Dauby et al., 1995). Questo fenomeno è dovuto alla duplice azione che le foglie viventi esercitano sia sul particolato fine che viene catturato ed imbrigliato tra i rizomi, sia sulle onde e le correnti la cui intensità viene notevolmente ridotta. La matte inoltre rappresenta una struttura allo stesso tempo elastica e rigida che può assorbire una parte dell’energia delle onde (Fonseca et al., 2007). Infine le foglie morte, trasportate a riva dalle correnti, costituiscono ammassi misti a sabbia che possono superare anche il metro di altezza (banquettes) e che rappresentano una protezione per le spiagge, attenuando i danni provocati dalle mareggiate (Jeudy de Grissac, 1984a), rappresentando perciò un’importante cintura naturale di contenimento e di protezione delle coste dall’azione erosiva del moto ondoso.

E’ evidente come la gestione delle banquette, considerate le possibili ripercussioni ambientali derivanti dalla loro non corretta gestione, costituisca un aspetto fondamentale di cui tenere conto in un’ottica di pianificazione e programmazione degli interventi da attuare sulla fascia costiera, secondo i principi della gestione integrata (ISPRA, 2010; Simeone e De Falco, 2013). Da ciò deriva l’auspicio che tali aspetti debbano essere affrontati nell’ambito di linee guida consolidate e condivise, anche a livello locale.

Nell’intento di salvaguardare le praterie a P. oceanica, quali barriere naturali contro l’erosione costiera assume un’importanza basilare definire le aree occupate dalle praterie, studiarne gli aspetti strutturali, funzionali ed ecologici, mediante specifiche indagini di campo che permettano di ottenere sia cartografie aggiornate e di dettaglio, sia indicazioni affidabili circa lo stato di salute delle praterie e dei popolamenti ad esse associati (Pergent et al., 1995).

 

Le cause di regressione delle praterie di Posidonia oceanica

Posidonia oceanica risente in modo particolare delle variazioni della qualità dell’ambiente e scompare allorché l’inquinamento, inteso in senso lato, è troppo accentuato; per questo motivo P. oceanica è ritenuta un eccellente indicatore della qualità dell’ambiente (Pergent et al., 1995; Montefalcone, 2009). Alcuni Autori asseriscono che P. oceanica mostra un disadattamento progressivo all’ambiente Mediterraneo, che porta a una rarefazione naturale delle praterie, principalmente lungo le coste settentrionali (Blanc e Jeudy de Grissac, 1989). Lo scarso successo della riproduzione sessuata sembra aver portato nel tempo a una diminuzione della variabilità genetica all’interno delle popolazioni, che potrebbe aver reso la specie più vulnerabile rispetto ai cambiamenti delle condizioni ambientali (Procaccini et al., 1996). Tuttavia, le principali cause di regressione delle praterie sono da collegare alla crescente pressione antropica agente sull’ambiente costiero (quali il crescente inquinamento delle acque, la realizzazione di opere costiere, la posa di cavi e condotte sottomarini) che determina effetti sulla prateria essenzialmente riconducibili alle variazioni di torbidità della colonna d’acqua e alle variazioni dei tassi di sedimentazione, nonché agli effetti diretti imputabili anche ai danni generati dalla pesca a strascico e dagli ancoraggi (Boudouresque et al., 2006).

In particolare, l’aumento di torbidità, con la conseguente riduzione della trasparenza delle acque, riduce la capacità fotosintetica della pianta e risulta essere una delle cause più frequenti di regressione delle praterie (Larkum e West 1983; Duarte 1991). L’alta concentrazione di inquinanti organici, causando un eccessivo sviluppo algale, può provocare sia un aumento della torbidità delle acque sia un eccessivo sviluppo di epifiti sulle foglie di P. oceanica. In entrambi i casi viene ridotta l’intensità di luce che può raggiungere la pianta, con conseguenze negative sulla sopravvivenza della stessa. Sostanze di vario genere (es. tensioattivi, metalli pesanti ecc.) possono inoltre causare necrosi dei tessuti, alterazioni morfologiche e comunque interferire negativamente con i normali processi di sviluppo della pianta (Capiomont et al., 2000).

Un altro aspetto molto importante che può influire sullo stato di salute delle praterie di P. oceanica è quello legato alla variazione dei tassi sedimentari sottocosta, indotta dalla realizzazione di opere costiere. La costruzione di porti e opere portuali in genere, nonché la realizzazione di opere di difesa rigida sono infatti interventi che possono interferire drasticamente con il normale regime idrodinamico e causare importanti alterazioni della dinamica sedimentaria, soprattutto a scala locale. E’ noto che sia gli aumenti sia le riduzioni degli apporti sedimentari possono creare seri problemi alla sopravvivenza delle praterie, nel primo caso favorendone l’insabbiamento e il conseguente soffocamento (Marbà e Duarte 1997; Manzanera et al., 1998), nel secondo promuovendo lo scalzamento dei rizomi e rendendo quindi la prateria più sensibile ai fenomeni erosivi (Jeudy de Grissac, 1979; Astier, 1984).

Infine, laddove la prateria presenta importanti segni di sofferenza con matte morta, l’introduzione di specie alloctone che possono entrare in competizione con P. oceanica (Montefalcone et al., 2007, 2010), come nel caso dell’espansione di due specie di alghe verdi di origine tropicale appartenenti al genere Caulerpa (de Villele e Verlaque, 1995).

Per una disamina esaustiva delle cause di regressione delle praterie di P. oceanica si veda Boudouresque et al., 2006.

 

Bibliografia

Astier J.M. (1984) – Impact des aménagements littoraux de la rade de Toulon, liés aux techniques d’endigage, sur les herbiers à Posidonia oceanica. In: Boudouresque C.F., Jeudy de Grissac A., Olivier J. Edits. First International Workshop on Posidonia oceanica beds, GIS Posidonie Publisher, Marseille, Fr., 1: 255-259.

Blanc J.J., Jeudy De Grissac A. (1989) – Réflexion géologique sur la régression des herbiers à Posidonies (départements du Var et des Bouches-du-Rhône). In: Boudouresque C.F., Meinesz A., Fresi E., Gravez V. Edits. Second International Workshop on Posidonia beds, GIS Posidonie Publisher, Marseille, Fr., 2: 273-285.

Boudouresque C.F. (1968) – Contribution à l’étude du peuplement ephiphyte des rhizomes de Posidonies (Posidonia oceanica Delile). Recueil des Traveaux de la Station Marine d’Endoume, 43 (59): 45-64.

Boudouresque C.F., Bernard G., Bonhomme P., Charbonnel E., Diviacco G., Meinesz A., Pergent G., Pergent-Martini C., Ruitton S., Tunesi L. (2006) – Préservation et Conservation des herbiers à Posidonia oceanica. RAMOGE pub.: 1-202.

Buia M.C., Gambi M.C., Dappiano M. (2003) – I sistemi a Fanerogame marine. Bioliogia Marina Mediterranea, 10: 145-198.

Buia M.C., Gambi M.C., Zupo V. (2000) – Structure and functioning of Mediterranean seagrass ecosystems: an overview. Bioliogia Marina Mediterranea 7: 167-190.

Capiomont A., Piazzi L., Pergent G. (2000) – Seasonal variations of total mercury in foliar tissues of Posidonia oceanica. Journal of the Marine Biological Association of the United Kingdom 80, 1119-1123.

Dauby P., Bale A.J., Bloomer N., Canon C., Ling R.D., Norro A., Robertson J.E., Simon A., Théate J.M., Watson A.J., Frankignoulle M. (1995) – Particle fluxes over a Mediterranean seagrass bed: a one-year sediment trap experiment. Marine Ecolology Progress Series, 126: 233-246.

De Villèle X, Verlaque M (1995) Changes and degradation in a Posidonia oceanica bed invaded by the introduced tropical alga Caulerpa taxifolia in the north western Mediterranean. Botanica Marina, 38:79–87.

Duarte C.M. (1991) – Seagrass depth limits. Aquatic Botany., 40: 363-377.

Fonseca M.S., Koehl M.A.R., Kopp B. S. (2007) – Biomechanical factors contributing to self-organization in seagrass landscapes. Journal of Experimental Marine Biology and Ecology 340 : 227–246.

Francour P. (1997) – Fish assemblages of Posidonia oceanica beds at Port Cros (France, NW Mediterranean): Assessment of composition and long-term fluctuations by visual census. Marine Ecology, PSZNI,  18(2): 157-173.

Gambi M.C., Lorenti M., Russo G.F., Scipione M.B., Zupo V. (1992) – Deph and seasonal distribution of some groups of the vagile fauna of Posidonia oceanica leaf stratum: structural and trophic analyses . P.S.Z.N.I. Marine Ecology, 13(1): 17-40.

ISPRA, 2010 – Formazione e gestione delle banquettes di Posidonia oceanica sugli arenili. Manuali e Linee Guida: 55/2010. 124 pp.

Jeudy De Grissac A. (1979) – Impact des aménagements littoraux. Installations portuaires, plage artificielles. Quelques exemples provençaux. Contrat GEOMER: 1-46.

Jeudy De Grissac A. (1984a) – Effets des herbiers à Posidonia oceanica sur la dynamique marine et la sédimentologie littorale. In: Boudouresque C.F., Jeudy de Grissac A., Olivier J. Edits. International Workshop on Posidonia oceanica beds, GIS Posidonie publ., Fr., 1: 437-443.

Larkum A.W.D., West R.J. (1983) – Stability, depletion and restoration of seagrass beds. Proc. Linn. Soc. NSW, 106: 201-212.

Manzanera M., Pérez M., Romero J. (1998) – Seagrass mortality due to oversedimentation: an experimental approach. Journal of Coastal Conservation, 4: 67-70.

Marbà N., Duarte C.M. (1997) – Interannual changes in seagrass (Posidonia oceanica) growth and environmental change in the Spanish Mediterranean littoral zone. Limnology and Oceanography., 42: 800-810.

Marbà N and Duarte CM (1998) Rhizome elongation and seagrass clonal growth. Marine Ecology Progress Series 174: 269–280

MATTM (2008) – Praterie a fanerogame marine. Piante con fiori nel Mediterraneo – Quaderni habitat

Mazzella L., Scipione M.B., Buia M.C. (1989) – Spatio-temporal distribution of algal and animal communites in a Posidonia oceanica (L.) Delile meadow. Marine Ecology, P.S.Z.N.I., 10: 107-131.

Mazzella L., Buia M.C., Gambi M.C., Lorenti M., Russo G., Scipione M.B, Zupo V. (1992) – Plant-animal trophic relationships in the Posidonia oceanica ecosystem. In: Cinelli F., Fresi E., Lorenzi C., Mucedola A. Edits. La Posidonia oceanica, Rivista marittima publ., Ital., 12 (suppl): 31-47.

Mcleod, E., Chmura, G.L., Bouillon, S., Salm, R., Björk, M., Duarte, C.M., Lovelock, C.E., Schlesinger, W.H., Silliman, B.R., 2011. A blueprint for blue carbon: toward an improbe under standing of the role of vegetated coastal habitats in sequestering CO2. Frontiers in Ecology and the Environment 9, 552–560.

Meinesz A., Laurent R. (1978) – Cartographie et état de la limite inférieure de l’herbier de Posidonia oceanica dans les Alpes-Maritimes. Campagne Poséïdon 1976. Botanica Marina,  21(8): 513-526.

Montefalcone M., Morri C., Peirano A., Albertelli G., Bianchi C.N. (2007) – Substitution and phase-shift in Posidonia oceanica meadows of NW Mediterranean Sea. Estuarine, Coastal and Shelf Science, 75: 63–71.

Montefalcone M. (2009) – Ecosystem health assessment using the Mediterranean seagrass Posidonia oceanica: a review. Ecological Indicators, 9: 595-604.

Montefalcone M., Albertelli G., Morri C. and Bianchi, C.N. (2010) – Patterns of wide-scale substitution within meadows of the seagrass Posidonia oceanica in NW Mediterranean Sea: invaders are stronger than natives. Aquatic Conservation: Marine and Freshwater Ecosystems, 20: 507–515.

Pergent G., Romero J., Pergent-Martini C., Mateo M.A., Boudouresque C.F. (1994) – Primary production, stocks and fluxes in the Mediterranean seagrass Posidonia oceanica. Marine Ecology Progress Series, 106: 139-146.

Pergent G., Pergent-Martini C., Boudoresque C.F. (1995) – Utilisation de l’herbier à Posidonia oceanica comme indicateur biologique de la qualité du milieu littoral en Méditerranée: état des connaissances. Mésogée 54: 3–27.

Pergent-Martini C., Rico-Raimondino V., Pergent G. (1994) – Primary production of Posidonia oceanica in the Mediterranean basin. Marine Biology, 120 : 9-15.

Piazzi L, Balata D., Cinelli F. (2002) – Epiphytic macroalgal assemblages of Posidonia oceanica rhizomes in the western Mediterranean. European Journal of Phycology, 37: 69-76.

Procaccini G., Alberte R. S., Mazzella L. (1996) – Genetic structure of the seagrass  Posidonia oceanica in the Western Mediterranean: ecological implications. Marine Ecology Progress Series 140: 153-160.

Procaccini G., Piazzi L. (2001) – Genetic Polymorphism and Transplantion Success in the Mediterranean Seagrass Posidonia oceanica. Restoration Ecology, 9 (3): 332-338.

Simeone S., De Falco G. (2013) – Posidonia oceanica banquette removal: sedimentological, geomorphological and ecological implications. Journal of Coastal Research, Special issue no. 65: 1045-1050.