Networking

Nell’ambito del progetto SEPOSSO viene promosso lo scambio di informazioni, di esperienze e di buone pratiche riguardanti la protezione e il ripristino delle praterie di Posidonia oceanica attraverso una specifica azione di networking tra i diversi attori coinvolti e i diversi progetti europei inerenti sia la tematica del trapianto sia la gestione sostenibile delle risorse marino costiere. Invitiamo scienziati, tecnici, politici, compagnie private, associazioni di cittadini a partecipare, a livello nazionale ed europeo, per stimolare il dibattito e accrescere la conoscenza dei temi principali del progetto e per condividere attivamente i messaggi e gli output di progetto.

 

RES MARIS Life

RES MARIS – “Recupero di habitat minacciati nell’area marina Capo Carbonara, Sardegna”
LIFE13 NAT/IT/000433
Il progetto ha come obiettivo quello di mettere in atto iniziative volte alla tutela degli habitat prioritari della DIR. 92/43/CEE ricompresi nel territorio dell’AMP Capo Carbonara, in attuazione della legislazione comunitaria e delle linee guida europee. Il progetto effettuerà attività concrete di conservazione di siti Natura 2000 con habitat di interesse comunitario, in accordo alle prescrizioni della Direttiva Habitat, con un’integrazione tra i vari settori e livelli dell’amministrazione, la partecipazione (incontri con stakeholders) e l’approccio basato sulla conoscenza.

  • LIFE SEPOSSO ha avviato lo scambio di link all’interno dei rispettivi siti web e nell’attività social per aumentare la visibilità dei prodotti di progetto (ricadute su Azione D.1).
  • LIFE SEPOSSO ha partecipato in data 24-25 maggio 2018 alla conferenza finale del progetto RES MARIS per la condivisione dei risultati sulle attività di trapianto di Posidonia oceanica.
  • L’attività di networking ha portato alla definizione di un’intesa per cui i dati e i risultati del monitoraggio raccolti in Life RES MARIS saranno utilizzati all’interno del processo di analisi intrapreso da Life SEPOSSO per il raggiungimento degli obiettivi prefissati (ricadute sulle Azioni B.2 e B.3).

 

ROC-POP – “Promoting biodiversity enhancement by Restoration Of Cystoseira POPulations”
LIFE16 NAT/IT/000816
Questo progetto ha l’obiettivo di innescare la riforestazione di Cystoseira all’interno delle aree marine protette delle Cinque Terre e di Miramare, dove era presente questo taxon, come dimostrato dai record di musei e pubblicazioni scientifiche. Le cause della scomparsa sono state rimosse e la protezione è garantita dalle aree marine protette. Il progetto prevede il trapianto di stadi giovanili coltivati di Cystoseira, con vantaggi in termini di tempo, costi ed impatto ecologico.

  • LIFE SEPOSSO ha avviato lo scambio di link all’interno dei rispettivi siti web e nell’attività social per aumentare la visibilità dei prodotti di progetto (ricadute su Azione D.1).

SeResto – “Habitat 1150* (Coastal lagoon) recovery by SEagrass RESTOration. A new strategic approach to meet HD & WFD objectives”
LIFE12 NAT/IT/000331
Il progetto si propone di innescare un processo di ricolonizzazione delle praterie di fanerogame acquatiche nel SIC IT3250031 “Laguna Superiore di Venezia”, soprattutto tramite il trapianto di Zostera marina e Zostera noltei in siti di piccole dimensioni diffusi in tutta l’area. La tecnica di intervento proposta prevede l’utilizzo di un numero ridotto di zolle, con vantaggi in termini di costi, di impatto sui siti donatori e di applicazione su larga scala. A sostegno della naturale espansione delle praterie nelle aree circostanti, sono previsti interventi diretti, per l’intera durata del progetto, volti a favorire l’attecchimento dei semi e a diffondere i nuovi rizomi prodotti dalle zolle trapiantate.

  • LIFE SEPOSSO ha avviato lo scambio di link all’interno dei rispettivi siti web e nell’attività social per aumentare la visibilità dei prodotti di progetto (ricadute su Azione D.1).
  • L’avanzamento del progetto LIFE SEPOSSO sarà presentato nell’ambito della Conferenza finale del progetto europeo LIFE SERESTO che si terrà a Roma, c/o Circolo sotto-ufficiali Marina Militare, in data 11 aprile 2018. Registrazione all’evento


ODYSSEA – Operating a network of integrated observatory systems in the Mediterranean Sea
Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 72727

Il progetto, iniziato nel 2017, della durata di  4 anni e mezzo per un budget totale di più di 8 milioni euro, porterà allo sviluppo di una piattaforma dati  user friendly per il bacino del Mar Mediterraneo contenente i dati, attualmente frammentati in diverse piattaforme e database oltreché spesso di non facile accesso. Saranno incluse tutte le tipologie di dati sul Mar Mediterraneo (chimici, fisici, biologici, metereologici, geologici, ecologici, nonché le infrastrutture presenti ed i vincoli normativi vigenti).

  • LIFE SEPOSSO ha partecipato al workshop dedicato agli stakeholder del progetto H2020 ODYSSEA, a Roma 25 ottobre 2017.
  • LIFE SEPOSSO ha organizzato un incontro con i coordinatori di ODYSSEA dedicato al confronto sulla disponibilità di dati marini (ricadute su Azioni B.2) e possibilità di integrazione e interoperabilità (ricadute su Azioni B.3).

LIFE REDUNE – Restoration of dune habitats in Natura 2000 sites of the Veneto coast
LIFE16 NAT/IT/000589

LIFE REDUNE è un progetto finanziato dal Programma Europeo LIFE 2014-2020. Avviato a Settembre 2017 e per la durata di 4 anni, il progetto ha l’obiettivo di ristabilire e mantenere l’integrità e la funzionalità ecologica del mosaico dunale, attraverso la riqualificazione di 5 habitat dunali e delle popolazioni di Stipa veneta* in 4 siti Natura 2000 presenti lungo la costa adriatica, attraverso l’uso di un approccio ecosistemico che considera tutte le componenti coinvolte (attività umane, habitat, specie e processi fisici): Laguna di Caorle – Foce del Tagliamento; Laguna del Mort e Pinete di Eraclea; Penisola del Cavallino: biotopi litoranei; Bosco Nordio.

I litorali sabbiosi e le dune ad essi associate sono ambienti fortemente minacciati ed esposti a numerose forme di disturbo di origine antropica, che derivano dalle conseguenze dirette e indirette di un turismo balneare non sostenibile, con urbanizzazione diffusa e incontrollata, calpestio dei bagnanti, abbandono di rifiuti, pulizia meccanica delle spiagge, introduzione di piante esotiche. A queste si aggiunge anche l’erosione costiera e il pericolo di allagamento, indirettamente collegati a varie attività antropiche.

Il recupero ed il ripristino degli habitat sarà attuato mediante: i) Riqualificazione di circa 915.000 mq di ambienti dunali, inclusi 5 habitat di interesse comunitario di cui 3 prioritari, e rinforzo delle popolazioni di Stipa veneta*; ii) Eliminazione di specie alloctone quali Oenothera stucchii; iii) installazione di passerelle e creazione di percorsi sulle dune per la conservazione degli habitat; iv) organizzazione di 72 tour guidati e 8 eventi di educazione ambientale per i turisti; v) accordi formali con i portatori di interesse per una gestione sostenibile a lungo termine delle spiagge.

  • LIFE SEPOSSO ha avviato lo scambio di link all’interno dei rispettivi siti web e nell’attività social per aumentare la visibilità dei prodotti di progetto (ricadute su Azione D.1).

Life ASAP – Alien Species Awareness Program
LIFE15 GIE/IT/001039

LIFE ASAP è un progetto di formazione, informazione e comunicazione che ha lo scopo di ridurre il tasso di introduzione di specie aliene invasive e contenerne gli impatti sul territorio italiano attraverso: i) l’aumento della consapevolezza dei rischi legati alle invasioni biologiche, ii) l’adozione di comportamenti responsabili, iii) una corretta ed efficace attuazione del Regolamento Eu 1143/14 da parte dei soggetti istituzionali che ne sono responsabili. Il progetto, cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il programma LIFE, è promosso da Ispra – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale in collaborazione con Legambiente, Federparchi, Regione Lazio, Università di Cagliari, Nemo S.r.l e Unicity S.r.l; altri soggetti cofinanziatori sono il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e quattro parchi nazionali: il Parco Nazionale del Gran Paradiso, il Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano, il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, Val d’Agri e Lagonegrese, il Parco Nazionale dell’Aspromonte.

  • LIFE SEPOSSO ha avviato lo scambio di link all’interno dei rispettivi siti web e nell’attività social per aumentare la visibilità dei prodotti di progetto (ricadute su Azione D.1).

POSBEMED Interreg Mediterranean project

Il progetto Interreg Mediterranean POSBEMED inizierà nel 2016 e terminerà a luglio 2018. POSBEMED esaminerà la gestione, i conflitti presenti e le opportunità offerte dalla costa mediterranea, in particolare nelle aree protette costiere e Natura 2000, dove si verifica l’interdipendenza tra praterie, dune e spiagge, con l’obiettivo di fornire una strategia mediterranea e un modello di governance per migliorare l’efficacia della gestione di queste aree. Integrando i risultati di diversi progetti passati e esaminando le pratiche di gestione, la percezione e le aspettative degli stakeholder, verranno prodotte linee guida con strumenti di gestione innovativi per migliorare le capacità delle amministrazioni locali e dei gestori costieri nel Mediterraneo. I risultati aiuteranno a migliorare le misure di protezione e ad aumentare l’efficacia della gestione di questi habitat interconnessi, promuovendo al contempo la crescita blu locale e soluzioni basate sulla natura e sulla gestione sostenibile delle banquettes di Posidonia oceanica.

  • LIFE SEPOSSO ha avviato lo scambio di link all’interno dei rispettivi siti web e nell’attività social per aumentare la visibilità dei prodotti di progetto (ricadute su Azione D.1).